Valsabbina sfiora la vittoria a Cuneo in una gara bella e combattuta

Brescia assapora la vittoria ma non espugna il PalaUbiBanca dove cede per un soffio ai vantaggi del tie-break. Buona prova delle lombarde che non possono contrastare una Van Hecke superlativa, e portano a casa un punto che mantiene l’ottava posizione.

Dalla trasferta cuneese, la Banca Valsabbina Millenium Brescia, conquista un punto prezioso in virtù della sconfitta sul campo della Bosca San Bernardo per 3-2, nella diciassettesima giornata della Samsung Galaxy Volley Cup. Sesta vittoria consecutiva in casa per la Bosca, mentre Brescia muove ancora la classifica e tiene dietro Cuneo e Bergamo. Top scorer delle bresciane Anna Nicoletti con 18 punti, in doppia cifra anche Francesca Villani con 12 palloni messi a terra, Jessica Rivera con 13 e Haleigh Washington con 11. Sul fronte sabaudo irrefrenabili Wilma Salas (MVP del match) e Lise Van Hecke con 26 e 28 punti.

Brescia scende in campo con regia Di Iulio in regia, opposto Nicoletti; centrali Veglia e Washington, in banda Pietersen e Villani, libero Parlangeli. La squadra di casa scende in campo con Bosio al palleggio, opposto Van Hecke; in mezzo Menghi e Zambelli, schiacciatrici Salas e Cruz, libero Ruzzini.

La Banca Valsabbina innesta subito il turbo, 2-6, costringendo coach Pistola a chiamare il tempo. Brescia resta padrona del campo, ace di Washington (3-8), e vola con Villani e Nicoletti (10-18). Cuneo accorcia con Salas (17-21), quindi time out Mazzola. Di Iulio gestisce bene la situazione, i suoi attaccanti mantengono il sangue freddo, e un attacco al centro di Washington sistema le cose nel finale e la Banca Valsabbina si aggiudica il primo parziale.

Nel secondo frangente la Bosca San Bernardo rompe gli equilibri iniziali sul 14-11. Brescia fatica a reagire e così Mazzola chiama il tempo (17-12), quindi inserisce Miniuk per Veglia e Rivero per Villani ma è la squadra di casa che si porta sul 22-16. Tuttavia Brescia non molla, ricuce lo strappo e riesce ad annullare due palle set, ma alla terza Zambelli chiude 25-22. 

Alla ripresa del terzo le due squadre viaggiano a braccetto sino al 7-7 (griffato Villani). Rivero (entrata per Pietersen) e Nicoletti per il portano la Banca Valsabbina al sorpasso. Sotto 8-11 Cuneo infila un break di sei a zero, il momento difficile non scoraggia le Leonesse che, punto dopo punto, accorciano sino al 22-21 e con un attacco di Rivero e due muri di Villani e Washington, ribaltano l’esito del set. Dai nove metri Rivero sigla il 22-25.

Cuneo sorprende Brescia all’inizio del quarto parziale (11-2). Veglia e compagne sono improvvisamente più molli e anche un pizzico sfortunate nel non riuscire a uscire dalle rotazioni iniziali. Gli attacchi di Salas e Van Hecke allungano il punteggio, Mazzola prova a ribaltare il sestetto, dentro Bartesaghi e Manig per dare respiro a Di Iulio e Nicoletti. Rientrano anche Pietersen e Veglia. Cuneo allunga sul 23-15 e chiude 25-17.

Emozionante il tiebreak per la Banca Valsabbina, che ha in campo Di Iulio opposta a Nicoletti, Rivero e Villani in banda, Veglia e Washington centrali, Parlangeli libero. L’inizio è equilibrato a strappi, prova il primo allungo decisivo la formazione lombarda con Rivero (9-11), dentro Norgini in seconda linea ma le piemontesi impattano (13-13 con una inarrestabile Van Hecke). Le ospiti annullano una palla match e ne riconquistano una a loro volta (14-15). In un finale mozzafiato Cuneo è più preciso nel chiudere i punti chiave: 17-15.

Nonostante la battuta d’arresta il team guidato da coach Enrico Mazzola mantiene l’ottava posizione con 24 punti e muove la classifica in vista della salvezza matematica, che grazie alla sconfitta di Chieri a Busto Arsizio è ormai vicinissima. Dopo il turno di sosta per lo svolgimento della Final Four di Coppa Italia che si terrà il 2 e 3 febbraio prossimo all’Agsm Forum di Verona, le Leonesse bresciane torneranno sul taraflex del PalaAgnelli di Bergamo sabato 8 febbraio ore 20.30 (anticipo televisivo su Rai Sport HD), contro la Zanetti in un derby lombardo tutto da seguire.

Enrico Mazzola: «Per vincere o perdere oggi bastava una palla, e Cuneo nel quinto set si è appoggiata bene ai suoi punti di forza con Van Hecke, Salas e l’esperta Cruz. Ho nominato tre giocatrici superiori al nostro livello tecnico, ma le nostre ragazze colmano da inizio stagione questo ‘gap’ con una grinta ed una determinazione di cui sono molto fiero. L’unica cosa che recrimino è quel pizzico di paura che oggi è emersa in alcuni momenti importanti, alzando purtroppo il numero di errori. Dobbiamo crescere dal punto di vista tecnico».

Bosca San Bernardo Cuneo-Banca Valsabbina Brescia 3-2 (20-25, 25-22, 22-25, 25-17, 17-15)

Bosca San Bernardo Cuneo: Cruz 10, Menghi 7, Van Hecke 28, Salas 26, Zambelli 10, Bosio 2, Ruzzini (L), Mancini 4, Kaczmar 1, Baiocco 1. Non entrate: Markovic, Kavalenka. All. Pistola.

Banca Valsabbina Brescia: Villani 12, Veglia 4, Nicoletti 18, Pietersen 6, Washington 10, Di Iulio 4, Parlangeli (L), Rivero 13, Miniuk 1, Bartesaghi 1, Manig, Norgini. Non entrate: Biava. All. Mazzola.

 

Washington durante un’attacco contro Cuneo (Foto MC FOTOREPORTER Marco Collemacine)