Skip to main content
07/01/2014

Due parole con lo sponsor: Guido Baxiu

Categorie: ,

– Ciao Guido, tu sei un affermato private banker? come nasce questo lavoro?

Ho intrapreso questa avventura professionale nel 1993, dopo gli studi in Economia e Commercio durante i quali pensavo che avrei fatto il commercialista.
Alla laurea è seguita un’esperienza in ambito contabile e contemporaneamente i sei mesi di pratica e l’esame per l’iscrizione all’Albo dei Promotori Finanziari.
A quel punto mi si sono aperte due possibilità: approfondire normative e problematiche fiscali o lavorare a fianco delle persone, accompagnandole nella gestione responsabile del proprio patrimonio. Non ho avuto dubbi: ho scelto le persone.

 

baxiu

 

– La Banca che hai alle spalle è sicuramente fra le più solide e professionali in circolazione, è vero?

A fine ottobre Banca Fideuram ha superato gli 83 miliardi di masse amministrate. L’ ultima trimestrale ha evidenziato un utile netto consolidato di 248 milioni, in aumento del 63% rispetto ai primi nove mesi del 2012. Banca Fideuram vanta oggi un Tier 1 ratio (indice di solidità patrimoniale delle banche) pari a 17,5%: per comprendere il significato di questo dato basta pensare che nel 2012 diverse banche hanno dovuto attuare importanti aumenti di capitale e collocare ingenti quantità di obbligazioni proprie per raggiungere il livello dell’8%. Ultimamente stiamo assistendo ad una preoccupante chiusura di filiali bancarie; quest’anno Banca Fideuram ha inaugurato a Brescia in via San Zeno 99 la nuova prestigiosa sede ampliando i propri spazi del 30%.

 

– Gestisci un patrimonio importante nonostante la crisi mondiale, quali sono le tue mosse vincenti, se le puoi rivelare?

Più che il patrimonio gestisco la fiducia dei miei clienti, bene ben più prezioso. Il patrimonio gestito credo sia poi la conseguenza di uno stile professionale improntato sulla correttezza, riservatezza e trasparenza. Il “passaparola” nel mio settore è fondamentale. Credo mi aiuti la mia sincera curiosità verso le persone, ciò che sono, ciò che fanno, come vivono, le loro passioni; la capacità di ascoltare e correttamente interpretarne i bisogni, l’attenta gestione della loro fiducia.
La pesante crisi che stiamo vivendo da un lato ha ridotto la capacità di risparmio, dall’altro ha però, a mio avviso, aumentato la propensione al risparmio e soprattutto l’attenzione ad una corretta gestione e ottimizzazione fiscale del patrimonio accumulato in passato. L’incertezza sul futuro, soprattutto quello dei figli, rende poi sempre più attuale il tema del passaggio generazionale del patrimonio, tema sul quale mi sto specializzando.

 

– Come vivi il tuo rapporto con lo sport?

Per me lo sport è un fondamento della crescita personale: aiuta a conoscersi e migliorarsi, a scoprire il proprio potenziale, superare i propri limiti attraverso la costanza e l’allenamento, per poi assumere la stessa attitudine anche nella vita di tutti i giorni e in ambito professionale. Mi piace sciare, mi emoziona la vela, che ho scoperto da pochi anni, ma il mio sport abituale è il nuoto, che mi aiuta a distendermi e, fra una vasca e l’altra, riorganizzare le idee.

 

– Come mai hai deciso di associare la tua immagine a Millenium?

Oltre all’importanza dello sport, credo fortemente in uno dei valori centrali promossi da Fideuram, ossia la vicinanza al territorio. E mi fa particolarmente piacere poter fare la mia parte nel sostenere la crescita di Volley Millenium Brescia: ho potuto conoscere ed apprezzare il progetto, constatare la determinazione della Dirigenza e di tutte le ragazze che sta già portando buonissimi risultati in lega B1 Nazionale. Si tratta di un gruppo fortemente impegnato, moderno e innovativo al quale sarò onorato di dare il mio contributo.

baxiu sci

Per info: www.guidobaxiu.it