Skip to main content
08/02/2023

Grandi Leonesse! La Valsabbina supera l’ostacolo Esperia

Categorie: ,

Nel turno infrasettimanale Millenium si impone 3-0 contro Cremona sul taraflex amico del PalaGeorge e conquista così la seconda vittoria consecutiva. Le ragazze di coach Beltrami agguantano così il secondo posto in classifica. MVP del match Alice Torcolacci, che chiude la gara con 13 punti e il 67% in attacco.

Banca Valsabbina Millenium Brescia – U.S. Esperia Cremona 3-0 (25-19; 25-21; 26-24)

Banca Valsabbina Millenium Brescia: Blasi (L) n.e.; Orlandi 5; Boldini 2; Consoli 5; Torcolacci 13; Cvetnic 15; Pamio n.e.; Obossa 21; Munarini n.e.; Scognamillo (L); Zorzetto n.e.; Foresi 0; Ratti 0. All.: Beltrami

U.S. Esperia Cremona: Kullerkann K. 7; Balconati 0; Giacomello n.e.; Kullerkann I.1; Rossini 9; Ferrarini 2; Piovesan 10; Coppi 3; Landucci 2; Mennecozzi 1; Buffo 1; Zampedri (L). All.: Magri

A pochi giorni dalla vittoria al PalaCoim contro Offanengo, le Leonesse tornano in campo per il turno infrasettimanale valido per la settima giornata del girone di ritorno. Al PalaGeorge arriva Esperia Cremona, reduce dalla vittoria al tie-break sul campo di Montale. Nel sestetto titolare si rivede Orlandi schierata in diagonale con Cvetnic, per il resto confermata la solita formazione: le due centrali sono Torcolacci e Consoli, nel ruolo di opposto c’è Obossa e capitan Boldini al palleggio, con la solita Serena Scognamillo come libero. Le ospiti guidate da Valeria Magri iniziano la gara con la diagonale Mennecozzi -Kullerkann K., al centro Ferrarini e Landucci e le due bande Piovesan e Rossini, infine il libero Zampedri.

Super avvio di gara delle ragazze di Beltrami che guadagnano subito un cospicuo vantaggio, frutto di un’ottima difesa e diverse soluzioni che permettono di salire 11-5, con Magri che ferma subito il match. Rossini al servizio e Kullerkann K. riportano Cremona a -3 (13-10) e questa volta è Beltrami a chiamare time-out. Altro allungo bresciano condotto dal duo Obossa-Cvetnic che riporta Millenium avanti di sei lunghezze (18-12). Torcolacci con un rigore ed un primo tempo piazza la fuga che vale il set point, ed è ancora la numero 8 a portare il primo set in direzione di Brescia.

Confermati entrambi i sestetti dopo il cambio di campo. Anche nel secondo set le Leonesse guadagnano subito un buon vantaggio: due muri di Consoli e l’ace di Cvetnic valgono 6-3. Cremona rientra sfruttando alcuni errori bresciani, poi due rigori di Boldini e il monster-block di Torcolacci ristabiliscono il +3. Cvetnic sfonda due volte le mani del muro, poi va a segno Torcolacci dalla linea dei 9 metri e la Valsabbina vola 17-11, nel frattempo Buffo subentra a Rossini per Esperia. Kullerkann e Landucci guidano la rimonta ospite fino al 19-17. La reazione bresciana ha la firma di Obossa e Cvetnic, Millenium sale così 23-17. A chiudere il set ci pensa ancora Obossa e Brescia sale così 2-0.

Nel terzo set Magri rilancia Rossini nel sestetto iniziale, nessun cambio invece per Beltrami. Cremona parte meglio e va subito sull’1-5. Le Leonesse reagiscono dopo una prima fase di appannamento e ristabiliscono la parità a quota 8 trascinate da Obossa e Torcolacci. Magri manda in campo l’altra sorella estone Kullerkann I. per Landucci. Non si smuove l’equilibrio nel terzo parziale, con le due squadre che si rispondono colpo su colpo fino al 16 pari. È ancora Cremona a piazzare il break portandosi 17-21 con la neoentrata Coppi e Kullerkann I. Brescia non molla e tira fuori ancora una volta lo spirito delle Leonesse, Obossa e Cvetnic con tre punti a testa trascinano le compagne fino al 24-22 con la chance di chiudere il match (24-22), ma Rossini annulla entrambe le palle-match. Torcolacci con il primo tempo regala a Brescia un’altra occasione che stavolta viene concretizzata da Cvetnic.

«Non ci sono partite facili, sembra tutto scontato ma non lo è: bisogna giocare e fare meglio di loro – è il commento di coach Alessandro Beltrami – La partita è iniziata bene e sono contento perché stiamo riprendendo il ritmo. Settimana scorsa abbiamo giocato a Offanengo, facendo solo un allenamento sei contro sei dopo la Coppa Italia, e siamo riusciti a portare a casa i tre punti. Oggi l’obiettivo era fare i tre punti comunque e in qualunque caso. Domenica saremo a Olbia, il calendario non ci aiuta a recuperare ma dobbiamo vivere di quello che sappiamo fare. Stasera battuta, muro e attacco ci hanno aiutato molto e ci hanno fatto vincere il secondo set nonostante avessimo perso il ritmo. L’abbiamo pagata nel terzo e ci abbiamo messo tantissimo a rientrare. Sono, però, molto contento della fine: ringrazio le ragazze che sono entrate con il doppio cambio, si sono affermate subito con un primo tempo e mi è dispiaciuto toglierle dopo un punto. Questo intendiamo quando diciamo che è importante il lavoro di tutti,  ogni tanto caliamo ma questo perché si gioca tanto, come tutti. Stiamo provando a inserire cose nuove, a Offanengo con Claudia, stasera con Josephine e Alice perché dobbiamo liberare più spazi per i posti 4».

«Sapevamo che venire qui non sarebbe stato facile, loro sono una squadra molto forte con delle individualità molto importanti – a parlare è Patrizia Zampedri, libero di Cremona ed ex dell’incontro – Abbiamo lottato e ci abbiamo provato: al terzo set ci abbiamo creduto tanto, ma sono uscite le loro individualità che pesano. Brave loro e complimenti». «Tornare qui per me è stata una bella emozione, sono stata felice, è sempre bello ritornare un po’ a casa. Mi ha fatto piacere vedere e ritrovare tante persone di Brescia. Continua la caccia al sesto posto, noi ci crediamo fino all’ultima partita e ci proviamo».

La Valsabbina conquista così la seconda vittoria consecutiva e si porta a quota 36 punti, agguantando Busto Arsizio al secondo posto in classifica.

Match sponsor per la 18esima giornata di campionato è Bilocale, locale di Montichiari.

MVP della gara, offerto da Pasta Fabbri, Alice Torcolacci che conclude la sua performance 13 punti e il 67% in attacco. Premiato anche l’MVP del mese di Gennaio, premio offerto da In-Lire che va al libero Serena Scognamillo.

 

Foto Massimo Bandera