Skip to main content
24/09/2023

Il Secondo Memorial Bressan è della Valsabbina: Offanengo battuta in 4 set

Categorie: ,

Al PalaCoim di Offanengo va in scena il secondo atto del Trofeo Bressan. Pamio e compagne affrontano il Volley Offanengo delle ex Bridi e Sironi e si affermano per 3-1 con una prestazione in crescendo.

 

Volley Offanengo 1 – 3 Banca Valsabbina Millenium Brescia (19-25, 18-25, 25-21, 9-25)

Volley Offanengo: Bridi 5, Pelloni (L), Deste 1, Martinelli 0, Modesti 3, Compagnin 0, Sironi 11, Cantaluppi 1, Trevisan 10, Taje 6, Tommasini 0, Abila De Paula 6, Sassolini 2. All. Bolzoni

Banca Valsabbina Millenium Brescia: Fiorio 10; Pinarello 0; Tagliani (L) n.e.; Scacchetti 3; Torcolacci 8; Pamio 16; Bulovic n.e.; Pericati (L); Brandi 0; Malik 15; Babatunde 15; Pinetti n.e.; Ratti n.e. All. Beltrami.

Premi individuali: MVP: Alice Pamio (Brescia), Miglior schiacciatrice: Francesca Trevisan (Offanengo), Miglior libero: Ylenia Pericati (Brescia), Miglior palleggiatrice: Chiara Scacchetti (Brescia).

Per la finalissima del secondo Trofeo Bressan, coach Alessandro Beltrami sceglie la regista Scacchetti incrociata con Malik; le bande sono Fiorio e capitan Pamio, con al centro Torcolacci e Babatunde; Pericati libero.
Coach Bolzoni risponde con due vecchie conoscenze per Brescia, Ulrike Bridi in regia, incrociata a Giorgia Sironi; la coppia dei centrali è formata da Modesti e Tajè, ai lati capitan Trevisan e Abila De Paula; Pelloni è il libero.

L’inizio del match vede le due formazioni studiarsi, ma l’equilibrio è solo momentaneo e infatti la Valsabbina fugge sull’8-4, complici anche alcuni errori di troppo della squadra di casa. Nella parte centrale del set le neroverdi riaccorciano senza riuscire però a portarsi avanti (21-17). L’allungo finale delle Leonesse fa 19-25. Decisivo l’apporto di Fiorio, letale in attacco (6 punti nel parziale), e di Scacchetti, capace di orchestrare al meglio il gioco bresciano.

Offanengo è capace di recuperare e superare le ospiti, ma è un fuoco di paglia. Complici gli ottimi turni al servizio prima di Malik e poi Babatunde, la seconda linea neroverde perde confidenza e cede il passo a una Millenium fredda e determinata. Nell’infinito turno al servizio della centrale pugliese, trovano spazio anche Pinarello e Brandi, schierata nell’inedito ruolo di opposta per alzare il muro. Trevisan e compagne ritrovano il servizio sul 15-22, ma ormai è difficile recuperare. L’errore di Sassolini al servizio pone la parola fine sul set (18-25). 9 battute e 3 ace nel parziale per Babatunde, autrice di 7 punti e capace di mettere a terra 3 palloni su 4 in attacco.

Il terzo parziale, come i precedenti, parte a guida bresciana. Trevisan e compagne, però, riescono a fiaccare la ricezione bresciana e a guadagnare il break (16-14) che poi riusciranno a mantenere e incrementare (17-21) fino alla fine del parziale (25-21). Trascinatrice delle neroverdi la ex Sironi, con il 55% in attacco e 6 punti. A risponderle, lato Millenium, capitan Pamio (7 palle a terra) e Babatunde (3 muri punto).

Strapotere Valsabbina nel quarto parziale, con Offanengo che perde lucidità e Brescia che prende sicurezza. Da 4 le lunghezze di vantaggio diventano 11, il secondo time-out di Bolzoni arriva sul 5-16, ma alla ripresa è una bomba di Malik a confermare l’inerzia a favore di Millenium. L’opposta israeliana, ancora in ripresa dopo l’infortunio che l’ha fermata per parte della pre-season, nel quarto set è on fire e mette a terra 7 palloni. Il punteggio dell’ultima frazione è schiacciante: 25-9 per Millenium.

La Valsabbina sale quindi sul primo gradino del podio del secondo Trofeo Bressan di Offanengo, davanti a Offanengo, Bergamo e Casalmaggiore. Dei 4 premi individuali, 3 sono di parte bresciana: Miglior giocatrice del torneo Alice Pamio, seguita da Chiara Scacchetti come miglior palleggiatrice, Ylenia Pericati miglior libero e Francesca Trevisan per Offanengo come miglior schiacciatrice.

“La nostra preparazione sta andando bene. E questo torneo l’ha dimostrato – è il commento del libero bresciano Ylenia Pericati -. Abbiamo un gruppo solido. Stiamo anche costruendo un tipo di gioco non facile, perché è molto veloce. Però per ora sta andando bene e il lavoro sta già dando i suoi frutti, anche se c’è ancora da lavorare. Stiamo anche recuperando le persone acciaccate.
Per quanto riguarda il mio ritorno a Brescia, sono molto contenta. Non avevo dubbi. Conoscevo già la società e l’allenatore, ma anche molte giocatrici. Riguardo ai nostri obiettivi… Nessuno si nasconde: abbiamo obiettivi importanti. Quest’anno il campionato sarà super competitivo perché ci sono squadre molto forti, ma noi siamo qui e ci proviamo”.

 

Foto Massimo Bandera