Skip to main content
10/03/2024

La Sardegna regala la Salvezza matematica alle Leonesse: a Olbia finisce 3-1 per la Valsabbina

Categorie: ,

La Millenium ritrova Torcolacci, tra le protagoniste della gara, e la vittoria da tre punti: l’obiettivo Salvezza è dunque raggiunto. Torcolacci: “Nell’ultimo set, siamo state brave a ripartire e a vincere la partita, ma abbiamo avuto la mentalità giusta anche durante gli altri parziali quando eravamo sotto”.

 

Volley Hermaea Olbia 1 –  3 Banca Valsabbina Millenium Brescia (12-25; 18-25; 25-15; 19-25)

Volley Hermaea Olbia: Orlandi 7, Adriano 19, Anello 0, Gannar 8, Blasi (L), Civetta 0, Partenio 10, Fontemaggi 1, Farina n.e., Imamura 5, Marku 4, Schmit 1. All. Guadalupi.

Banca Valsabbina Millenium Brescia: Fiorio 8; Pinarello n.e.; Veglia n.e.; Tagliani (L) n.e.; Scacchetti 2; Torcolacci 16; Pamio 15; Bulovic 0; Pericati (L); Brandi 13; Malik 14; Babatunde n.e.; Pinetti n.e.; Ratti n.e. All. Solforati.

Arbitri: Pescatore Luca; Sumeraro Fabio
Durata set: ’20, ’23, ’20, ’25

MVP: Scacchetti (Banca Valsabbina Millenium)

Top scorers: Adriano (19, Volley Hermaea Olbia); Torcolacci (16, Banca Valsabbina Millenium Brescia); Pamio (15, Banca Valsabbina Millenium Brescia)

 

La gara

Coach Guadalupi sceglie la palleggiatrice Schmit incrociata a Orlandi, al centro ci sono Gannar e Marku, in posto 4 Partenio e Fontemaggi, il libero è Blasi. Coach Solforati risponde con Scacchetti-Malik, Torcolacci-Brandi, Pamio-Fiorio e Pericati libero.

Brescia ritrova Torcolacci, assente da due gare, che si ripresenta incassando i primi due punti della Millenium (1-2). La Valsabbina parte meglio delle padrone di casa volando subito, con Pamio e Malik in attacco, sul +9, complice anche un ace di Scacchetti (3-10) che obbliga coach Guadalupi al doppio time out. L’Hermaea prova a ripartire con la neo entrata Adriano (4-12), ma l’ace di Brandi sigla il 5-16 e Torcolacci, a muro, il 5-20. È proprio la centrale bresciana a prendersi prima il set point (10-24) e poi a chiudere i conti in fast (12-25).

In avvio di secondo set, Olbia riesce a trasformare la delusione in grinta e, affidandosi a Imamura e Partenio, si porta sul +3 (7-4). La Millenium, però, si riprende subito ed è Pamio a rimettere il gioco in parità (7-7). L’ace di Brandi sigla, poco dopo, il sorpasso (10-12). L’Hermaea prova rimanere attaccata alle Leonesse e, con Adriano, si porta sul -3 (13-16). Brescia riesce però a mantenere le distanze: è Fiorio mettere la firma sull’ultimo punto del secondo set (18-25).

All’inizio del terzo parziale, il testa a testa si fa intenso, con entrambe le squadre che lottano su ogni palla: al block di Torcolacci (3-3) risponde quello di Gannar (6-5), dal quale parte poi la fuga delle aquile che, con Adriano, fa +4 (11-7). Solforati prova a smuovere il gioco, inserendo Bulovic su Fiorio, ma le padrone di casa sono determinate a prendersi il set: Orlandi e Adriano, assolute protagoniste, fanno volare Olbia sul +7 (21-14) e Partenio chiude i conti: l’Hermaea riapre la gara conquistando il suo primo set del match (1-2).

Nel quarto set, il ritmo rimane alto. Dall’equilibrato testa a testa iniziale, emerge poi Brescia che mette il piede sull’acceleratore portandosi sul 9-13. La difesa sarda accusa il pressing bresciano: Scacchetti in regia propone un gioco vario, ma sempre concreto, che allarga il divario a +7 (12-19). Torcolacci a muro si prende la set ball (17-24), Fiorio in pipe il set (19-25). La Valsabbina torna a vincere e lo fa a punteggio pieno: un risultato che significa anche salvezza matematica e certezza assoluta della propria partecipazione in Serie A2 il prossimo anno.

 

Le statistiche 

Il confronto dai 9 metri è vinto dalle padrone di casa: dei 74 punti conquistati, infatti, 4 sono ace, uno in più da quelli fatti da Brescia su un totale di 90 punti. A rete, invece, Brescia comanda: 10 i block realizzati contro i 6 sardi.

 

Le dichiarazioni

Coach Solforati, a fine gara, ha commentato la bella prestazione delle sue ragazze. “Siamo partiti molto bene e questa volta, a differenza delle due ultime uscite, siamo riusciti a mantenere il vantaggio nel primo set e conquistarlo agevolmente. La partita vera, secondo me, è cominciata dal terzo set, quando Olbia ha cambiato marcia: se in quel parziale non siamo stati in grado di controbattere il loro sprint, nel quarto la squadra mi è piaciuta molto perchè è entrata con il piglio giusto, portando a casa una partita importante: per noi significa tornare a vincere, ma soprattutto la salvezza matematica”. Tornato a parlare della situazione infortuni che ha condizionato gli ultimi match: “Purtroppo, hanno colpito tutto un reparto: siamo rimasti senza centrali, perchè anche quelle che c’erano non erano al top della condizione. Adesso pian piano stiamo recuperando. Anche Baba, probabilmente, dalla prossima gara potrà tornare in campo”.

“Ci aspettavamo una partita complicata – ha dichiarato Alice Torcolacci -, soprattutto perchè Olbia è in grado di mettere in difficoltà tutte le squadre e con noi non è stato diverso. Abbiamo abbiamo perso un set perchè loro ci hanno messo pressione e ci hanno colpito nei punti più difficili. Io sono tornata e ho sentito l’aiuto di tutte le ragazze. Nell’ultimo set siamo state brave a ripartire e a vincere la partita, ma abbiamo avuto la mentalità giusta anche durante gli altri parziali quando eravamo sotto. Inoltre, abbiamo fatto meno errori del solito. Sono molto contenta”.

 

Foto Luigi Canu