Skip to main content
19/03/2023

Leonesse strepitose: battuta in rimonta la capolista Roma

Categorie: ,

Una partita di alti e bassi, e così la vittoria è ancora più bella: dopo una partenza shock e un terzo set di blackout, la Valsabbina trova la concretezza che serve nel finale e arresta l’imbattibilità di Roma, durata 24 partite. MVP Lea Cvetnić con 19 punti.

 

Roma Volley Club – Banca Valsabbina Millenium Brescia 2-3 (25-15; 23-25; 25-10; 23-25; 13-15).

Roma Volley Club: Bici 28, Bechis 3, Rivero 21, Ciarrocchi 6, Ferrara (L), Rucli 11, Valoppi, De Luca n.e., Melli 12, Bianchini, Rebora 3, Valerio n.e. All.: Cuccarini.

Banca Valsabbina Millenium Brescia: Blasi (L) n.e.; Orlandi 1; Boldini 2; Consoli 7; Torcolacci 12; Cvetnic 19; Pamio 6; Obossa 14; Munarini 0; Scognamillo (L); Zorzetto n.e.; Foresi 0; Ratti 1. All.: Beltrami

Inizio di gara del tutto da dimenticare per una Valsabbina pietrificata che incassa un pesantissimo 8-0 dalle padrone di casa. Le Leonesse faticano a sbloccarsi e nel corso del set il gioco non migliora. Beltrami prova prima con due time-out e poi con l’ingresso di Foresi per Boldini, con il cambio che si chiude dopo pochi punti, e Munarini per Torcolacci; La formazione ospite non riesce a recuperare il gap e chiude il primo set sotto 25-15.

Copione del secondo frangente simile al primo, con una Roma che inizia senza sbavature (7-2). Obossa ci prova ma non basta e Beltrami chiama time-out sul 9-3. Il turno di battuta di Obossa è favorevole alle Leonesse e sul 16-13 Cuccarini chiama il tempo discrezionale. La Banca Valsabbina è paziente e rosicchia margine fino al 18-18, insperato a inizio frangente. Le laziali rimettono la testa avanti a quota 20 ma Bici manda out la palla che regala il pareggio a Brescia. Il guizzo griffato Rivero e Bici sembra decisivo; dentro Rebora in battuta ma c’è l’errore, quindi anche Beltrami sceglie Ratti in battuta. Brescia riesce ad avere una palla set e Obossa la sfrutta nel modo migliore con un mani out che vale il pareggio nel conto dei set.

Nuovo inizio ai limiti dell’incredibile per Brescia che inciampa 7-0 e ancora 9-3. Sul 12-4 Beltrami comanda il doppio cambio con Ratti e Foresi a sostituire la diagonale titolare ma l’inerzia resta tutta in mano a Roma, e allora la panchina bresciana chiede il secondo tempo a disposizione (16-7). Nella mischia anche Munarini e per Torcolacci sul 18-8. Il set si chiude con un pesantissimo 25-10.

Il quarto parziale ha un avvio finalmente combattuto (5-5) con buoni colpi da entrambe le parti del campo. Sulla stilettata di Cvetnic che fissa il punteggio sul 8-11 Cuccarini chiama il tempo per riorganizzare le idee delle sue; Ciarrocchi risponde presente e va a segno. Sul cambio palla successivo entra Valoppi per Melli in ricezione però la Valsabbina ha un altro passo e Roma ricorre al suo secondo tempo. Sul 12-17 dentro Rebora per Ciarrocchi, ma a battere il primo colpo deciso è Torcolacci, tuttavia non c’è tempo per rilassarsi con le romane che si portano a -3 e la panchina bresciana interrompe il gioco. Le due formazioni si combattono sferrando colpi di alto livello, con le lombarde a cercare di mantenere margine, finché 2 errori in attacco di fila consentono alla Valsabbina l’allungo del 19-23. Un muro di Cvetnić su Rivero regala a Brescia 5 palle set, Rivero indemoniata in battuta pesca l’ace che costringe Beltrami al tempo ma le locali trovano il punto del -1 finché Obossa affonda la palla 23-25, che vale il primo punto perso da Roma in questo campionato.

Subito due errori in attacco in inizio di tie-break e il coach della Valsabbina si gioca il primo time-out, quindi le sue rispondono sorpassando Roma 3-4, e contro-sorpasso 5-4. Bici pesca il gran ace del 7-5 e un pasticcio bresciano consente alle laziali di andare al cambio campo avanti 8-5 con il secondo tempo di mister Beltrami. Sul 9-6 dentro Bianchini per Melli al servizio e due errori delle lombarde lanciano Roma a +4, ma sul 11-9 con Brescia pericolosa viene richiesto il tempo discrezionale. Cvetnić azzecca il punto del -1 e di là dalle rete entra Rucli per Ciarrocchi. La croata è ancora protagonista in attacco e sul pareggio a 11 Roma chiama il secondo e ultimo tempo a disposizione. Il doppio ace di Pamio porta il break decisivo (11-12 / 11-13), che Cuccarini non riesce a contrastare con la chiusura dei cambi di Ciarrocchi e Melli. Bici punge la difesa bresciana per il -1 e il seguente pareggio di Roma a quota 13. È la ex Cvetnić a chiudere il combattuto match in favore di Brescia con i due punti nel finale di partita. La combinazione di grinta e lucidità vale anche il premio MVP.

Foto Morris Paganotti (Roma Volley Club)