Skip to main content
07/01/2015

Millenium vince ma non convince, passa Trento

Categorie: ,

Le bresciane vincono ma concedono all’Ata i 2 set che valgono loro il passaggio alla final-four di Coppa Italia. Sottotono il gioco nei momenti cruciali: «Trento squadra ostica, ma dobbiamo fare meglio di così».

 

Millenium era chiamata a giocare una partita perfetta, o quasi, per poter ribaltare il risultato dell’andata quando Ata Trento si impose per 3-1 su Zamora e compagne. Purtroppo per le bresciane così non è stato: scese in campo poco grintose e con un gioco poco coeso hanno ceduto nel terzo e fondamentale set, regalando il passaggio del turno alle ospiti.

Le bianco-nere scendono in campo con Baldi opposto, Galtarossa al palleggio, Zamora e De Stefani al centro, Saltalamacchia libero, Raccagni centrale insieme a Cima che prende il posto di Dall’acqua, quest’ultima ancora non al 100% per un attacco influenzale si siede in panchina.

A cominciare forte sono appunto le trentine, che passano 7-8 e fanno scattare un primo campanello d’allarme. La ricezione fa fatica ma Zamora e Baldi riconducono la squadra sopra 18-14, anche grazie al fondamentale della battuta. sul 19-15 entra Bellini in battuta e Ata chiama un time-out provvidenziale perché le ospiti si riorganizzano e impattano 19 pari. Ora la gara è molto tesa e si gioca punto a punto, Millenium non molla e annulla un set-ball avversario, poi con un ace di Raccagni e un attacco di Zamora allunga e vince 27-25.

Partenza da dimenticare nel secondo set per le bianco-nere, imprecise e con poche idee vanno sotto 5-10. Brescia non ci sta, e trascinata da Baldi prova con pazienza la rimonta, che si concretizza al 18 pari. Millenium trova addirittura un insperato sorpasso 19-18 ma la gioia del pubblico locale dura poco, perché Ata si supera in difesa mentre Millenium latita a muro (solo 1 muro in nei primi due set). Solo l’orgoglio riporta Millenium sul 23 pari, ma il guizzo finale lo fanno le ospiti, che sulle imprecisioni delle locali costruiscono il 23-25.

Il terzo parziale diventa decisivo ma Brescia si complica la vita perché se da un lato migliora il muro, soprattutto grazie all’ingresso di Dall’acqua, calano le percentuali di attacco e la battuta non è più incisiva come prima. Dall’altra parte della rete invece Trento sale in cattedra a muro e si esalta in difesa volando a un meritato +5. Nibbio prova a ricorrere alla sua panchina ma non c’è risposta, l’Ata va 19-25 e guadagna l’ingresso alle semifinali.

Ormai fuori dai giochi, Millenium passa al turnover: ora in campo ci sono Dall’acqua, Cima, Rossi, Biava, Calzoni, Bellini e Saltalamacchia. Anche Trento adopera dei cambi ma il quarto set lo vincono le bresciane 25-18. Anche il tie-break è dominato delle padrone di casa, che si impongono 15-9.

«Siamo comunque contenti di essere arrivati fino ai quarti di finale alla prima partecipazione in Coppa – commenta a fine partita il General Manager Emanuele Catania – non era il nostro obiettivo primario e ora dovremo tornare a concentrarci sul campionato. Chiaramente essere così vicini alle finali ci ha ingolosito, anche perché erano alla nostra portata, ma Trento ha giocato meglio e ha meritato più di noi. Questa sfida ha evidenziato alcuni difetti su cui dobbiamo lavorare se vogliamo continuare a mantenere la testa della classifica in campionato, anche in vista del match difficile di domenica a San Lazzaro».

 

IMG_2935

 

Volley Millenium Brescia – Studio 55 Ata Trento: 3-2 (27-25, 23-25, 19-25, 25-18, 15-9).

Millenium Brescia: Galtarossa 1, Zamora 15, Cima 6, Baldi 19, De Stefani 8, Raccagni 7, Saltalamacchia (L), Calzoni 8, Bellini 3, Dall’Acqua 5, Biava 9, Rossi 1. Allenatore: Nibbio, Assistente: Mangili.

Ata Trento: Filippin 2, Agostini, Mezzi 19, Bogatec 13, Bottura 12, Prandi 5, Gasperini (L), Festi 7, Hueller, Fontanari 5, Pistolato 2. Allenatore: Mongera.
ARBITRI: Conti e Ferrari.

NOTE: durata set 29′, 30′, 26′, 23′, 12′.
Punti: Millenium Brescia 82 (battute sbagliate 11, vincenti 7, muri 4, errori 26); Studio 55 Ata Trento 65 (battute sbagliate 10, vincenti 1, muri 8, errori 17).