Skip to main content
01/10/2022

Sensazioni positive per la Valsabbina dopo il test match con Trento

Categorie: ,

A distanza di una settimana dalla sconfitta con Trento, nel re-match la Banca Valsabbina Millenium Brescia esce dal PalaGeorge a testa alta e con ottime sensazioni.

Banca Valsabbina Millenium Brescia – Itas Trentino 29-27; 18-25; 27-29; 18-14

Banca Valsabbina Millenium Brescia: Orlandi 10; Boldini 7 Consoli n.e.; Torcolacci 7; Cvetnic n.e.; Pamio 3; Obossa 28; Munarini 7; Scognamillo (L); Zorzetto 3; Foresi 2; Ratti 3. All.: Beltrami

Itas Trentino: Mason 13; Michieletto F. 8; Fondriest 15; Bonelli 1; Libardi (L); Stocco 4; Parlangeli (L); Dehoog 16; Bisio 0; Michieletto A. 0; Meli 1; Moretto 4. All.: Saja

 

Coach Beltrami schiera Munarini e Torcolacci al centro, capitan Boldini in diagonale con Obossa mentre le due bande sono Orlandi e Pamio, con Scognamillo come libero. Saja risponde con Bonelli-Dehoog, Moretto e Fondriest al centro e Mason- Michieletto F. come bande, mentre il libero è Parlangeli.

Avvio di gara equilibrato. È un botta e risposta continuo tra le due squadre che arrivano punto a punto fino al 12 pari. Dopodiché Trento realizza un primo break sfruttando due errori della formazione di casa e un muro di Bonelli (14-17). Obossa, il primo tempo di Torcolacci e il rigore di Boldini permettono a Millenium di riagguantare il pareggio a quota 19. Due attacchi out e un errore in battuta di Brescia permettono alla squadra ospite di riportarsi a +3 (20-23). Un altro errore permette a Trento di arrivare a set point (21-24). Pamio, l’ace di Boldini e il rigore di Torcolacci annullano le tre palle set, si va ai vantaggi. Il pallonetto di Obossa vale il primo set point per Brescia, annullato dall’attacco di Dehoog. Ancora Obossa regala un’altra palla del set alle Leonesse che viene trasformata da Orlandi. Il primo parziale va dunque a Brescia (29-27).

Confermati i due sestetti con Stocco ancora in campo dopo essere subentrata a Bonelli nel primo set. Trento si porta subito avanti e l’ace di Stocco vale il +5 (4-9), con coach Beltrami che ferma il gioco. Obossa con un potente diagonale e un muro-punto permette a Millenium di tornare a -1 (9-10). Trento allunga ancora con il rigore di Fondriest e l’ace di Moretto, poi l’attacco in primo tempo ancora del centrale vale il (18-23). Trento chiude il set sfruttando un fallo di Brescia e il pallonetto dalla seconda linea di Mason (18-25).

Anche per il terzo set iniziano le stesse formazioni. Mason porta avanti le sue con un muro e un attacco in diagonale, poi Dehoog realizza l’8-11, a fermare la fuga delle ospiti ci pensa ancora Obossa con tre punti consecutivi (11-12). Michieletto risponde per Trento e le ospiti salgono 11-14. L’attacco di Dehoog e il muro di Mason valgono il 12-18. Entra Zorzetto al posto di Pamio. Break di Brescia con il turno in battuta di capitan Boldini che dopo aver realizzato un muro piazza due ace a cui si aggiungono un attacco ed un muro-punto di Obossa che riportano le Leonesse a 18-19. Con altri due punti di Obossa Brescia passa in vantaggio 23-22. Il mani-out di Orlandi vale il set point annullato dal primo tempo di Fondriest. Si arriva fino al 27 pari poi Dehoog con un potente diagonale e il muro di Moretto regalano il set a Trento.

Nel quarto parziale coach Beltrami dà spazio a Foresi e Ratti al posto di Boldini e Obossa, mentre per Trento c’è Bisio come opposto. Millenium si porta avanti con il pallonetto in fast di Munarini e l’attacco di seconda intenzione di Foresi (8-6). Due spettacolari difese di Scognamillo, Torcolacci con due muri, Orlandi e Ratti in attacco scavano un solco di sei punti (13-7). Michieletto Annalisa subentra alla sorella Francesca tra le fila di Trento.  Il match si interrompe sul 18-14 per Millenium per indisponibilità delle palleggiatrici di Trento.

«Sono soddisfatto – commenta coach Beltrami al termine del match – rispetto a sabato scorso abbiamo fatto grossi passi in avanti dal punto di vista dell’atteggiamento, della gestione del gioco e nel cercare soluzioni. Siamo stati bravi nel cercare di essere efficaci. Il primo parziale è stato molto bello per come abbiamo giocato. Il secondo set è stato molto bello per il livello espresso in campo, Trento ha giocato davvero bene e ci ha fornito tanti situazioni da cui imparare. Il terzo parziale è stato un peccato perché siamo riusciti ad avere un buon ritmo, oltre ad esprimere un buon gioco, e siamo caduti in alcune ingenuità. Nel quarto set eravamo avanti e stavamo gestendo bene il match. A livello generale sono contento perché stiamo progredendo bene. Difendiamo di più e riceviamo un po’ meglio, il cambio-palla è più fluido anche quando non riceviamo alla perfezione. Rischiamo molto in attacco, come testimoniato dagli errori, ma anche dalla maggior quantità di punti realizzati»

«Abbiamo fatto un’ottima partita, soprattutto a livello di squadra – sono le parole della regista Elena Foresi – Abbiamo espresso un buon gioco, in maniera migliore rispetto alle ultime uscite. Loro sono delle avversarie forti, hanno fatto un secondo set perfetto e nel terzo hanno saputo sfruttare le nostre sbavature»
«Abbiamo sbagliato cose semplici, che contro squadre di questo calibro fanno la differenza. In sostanza credo che abbiamo fatto una buona prestazione, rispettando le indicazioni dell’allenatore. Volevamo riscattarci e mettere in campo quello che riusciamo a fare in allenamento e penso che siamo state in grado di farlo. A livello personale credo di essere entrata bene, ero molto carica. Purtroppo a causa dell’infortunio nella squadra avversaria non siamo riuscite a concludere il set, però penso di aver dimostrato che quando sono chiamata in causa cerco di dare il meglio di me».