Skip to main content
04/02/2013

Trasferta amara a Rovereto per la B2

Categorie: ,

Le trentine si confermano la bestia nera per una Millenium molto fallosa (25 errori totali in 4 set) e solo a tratti incisiva. Il punteggio finale di 3-1 obbliga la formazione bresciana a lasciare punti preziosi in chiave classifica ma ancora saldamente in zona play-off. 

 

Che la gara fosse una di quelle “stregate” lo si era capito subito. Qualche errore in battuta, qualche imprecisione e il set che sfugge di mano con Città di Rovereto avanti subito 8-4 nel loro palazzetto. Avversarie compatte, determinate e come spesso accade quando si affrontano le teste di serie, provano a giocarsela fino in fondo senza risparmiarsi. Tanto che il primo parziale si chiude 25-17 e Castillo deve correre ai ripari.

Nel secondo set si vede più qualità e Millenium mette in difficoltà la ricezione locale. Ballano entrambe le difese quindi l’inizio è altalenante passando dal 4-4 al 12-8 fino al break con sorpasso sul 12-13. Baldi e Rizzi mettono la freccia e non si fanno più fermare dal muro. 13-16 al time-out e in allungo fino al 20-25 finale che rilancia il sestetto bresciano.

Il terzo set si apre nuovamente con qualche incertezza, e Rovereto sguscia in avanti. Con l’ingresso di Cima e un po’ di rotazione le cose sembrano migliorare, tanto che si va 7-7 e un bel muro del capitano Ferrara concretizza il sorpasso nel punto successivo. Tuttavia l’asse difesa-palleggio non splende e le padrone di casa restano agganciate. Verso la fine del set la qualità del gioco si alza da entrambi i lati del campo, ma quando la partita sembra in salita lo è fino in fondo perché arrivano più di un paio di decisioni arbitrali (quasi consecutive) molto dubbie, e le valutazione del giudice di gara sono tutte a svantaggio delle ospiti che dal 18-20 si ritrovano sul 23-21, e con un attacco un po’ contratto lasciano il set 25-22.

A questo punto coach Castillo prova cambiando alzatrice: inserendo Casali per variare l’impostazione offensiva Millenium e Rovereto vanno a braccetto al 6-6, ma la fast delle trentine buca la difesa e soprattutto un muro troppo poco presente. Dal 15-8 ecco però un colpo di orgoglio bresciano che si riporta sotto di 2 punti con Pionelli, Saltalamacchia e la rientrante Treccani che provano a scuotere il match, ma è un fuoco di paglia perché la concretezza avversaria pesa di più.

 

Dettagli: 3 – 1 (25-17; 20-25; 25-22; 25-17). Dall’acqua 4, Baldi 18, Ferrara 7, Rizzi 12, Pionelli 11, Treccani, Saltalamacchia (L), Cima 4, Camanini 6. A disposizione: Casali,  Terlizzi, Trentini.

Evolution.